DUCHESS B&B FIRENZE

Bed and Breakfast di Charme

Andar per Giardini e Ville (Medicee)

Lunette dell'Utens Ville Medicee

Sono destinazioni speciali per chi trascorre queste ultime giornate di agosto in città a Firenze, alla ricerca di mete insolite e magari più fresche rispetto alle strade del centro storico: raffinati gioielli di architettura rinascimentale e barocca, le Ville Medicee nei dintorni di Firenze tra il XV ed il XVII secolo erano vere e proprie dimore regali, luoghi di rappresentanza e di svago, a presidio dei territori più periferici e dei centri agricoli amministrati dalla dinastia dei Medici.

Ogni membro della Famiglia Medici ne possedeva una, mentre il Granduca si trasferiva a piacimento da una villa all’altra (18 erano le principali, una trentina in tutto contando le residenze minori): a Pratolino, a Cafaggiolo e al Trebbio per le battute di caccia, in collina nella fresca Artimino nei mesi più caldi d’estate.

Tra i giardini storici più famosi delle ville, uno dei primi è quello della Villa di Castello, il prototipo del giardino all’italiana, commissionato da Cosimo I a Niccolò Tribolo, l’autore del Giardino di Boboli.

Passate ai Lorena in seguito all’estinzione della Famiglia Medicea, le pregevoli tenute hanno oggi differenti proprietari e destinazioni: alcune sono visitabili centri museali (come il giardino della Villa di Castello, Villa La Petraia, le ville di Poggio a Caiano e Cerreto Guidi); altre sono destinate a istituzioni (ad esempio a Castello ha sede l’Accademia della Crusca) altre ancora sono in mano a privati cittadini, spesso aperte ad eventi pubblici e privati.

In una famosa serie di lunette opera di Giusto Utens (conservate al Museo di Firenze com’era e in questi giorni in mostra a Villa La Petraia), è possibile ammirarle tutte  come si presentavano originariamente, nel trascorrere dei secoli e prima dei successivi rimaneggiamenti.

Di seguito una personale selezione delle visite consigliate in questo periodo (con gli orari di apertura più ampi dell’anno, quasi tutte infatti aprono alle 8.15 e chiudono alle 19.30):

  • Villa Medicea di Poggio a Caiano (PO), chiamata anche Ambra, una delle più famose per il giardino e le opere d’arte conservate nei secoli, commissionata da Lorenzo il Magnifico a Giuliano da Sangallo verso il 1480. È possibile visitarvi anche il pregevole Museo della Natura Morta, solo su prenotazione telefonica, allo 055-877012.
    informazioni su:www.polomuseale.firenze.it
  • Giardino della Villa Medicea di Castello. Nella zona collinare di Castello a Firenze, in prossimità dell’altra celebre Villa La Petraia, ospita la sede dell’Accademia della Crusca (non visitabile), è chiamata anche Villa Reale, L’Olmo o Il Vivaio ed è immersa nei magnifici giardini a terrazze, un vero museo a cielo aperto gestito dalla Soprintendenza per il Polo Museale di Firenze.
    informazioni su:www.polomuseale.firenze.it
  • Villa Medicea della Petraia. È ritenuta una delle più belle per progetto, affreschi e giardini; anch’essa si trova nella zona collinare di Castello in una posizione panoramica che domina la città di Firenze. Da non perdere! Presso la Villa è in corso fino al 30 settembre 2012 la mostra delle lunette di cui vi ho appena accennato: “L’immagine delle Ville Medicee. Le lunette dell’Utens alla Petraia
    Informazioni: www.polomuseale.firenze.it
  • Villa Medicea di Pratolino – Parco di Villa Demidoff Nel 1568 Francesco I dei Medici acquistò una tenuta ai piedi dell’Appennino (in Pratolino, a Vaglia) e affidò al Buontalenti l’incarico per una splendida residenza per la sua sposa Bianca Cappello, circondata dlla magnificenza di un immenso parco ricco di giochi d’acqua, automi, statue antiche, alberi secolari, fontane monumentali e scenografie artificiali in materiali pregiati, opera dello stesso Buontalenti e del Giambologna. Anche se diverse opere originarie sono andate perse nel corso dei secoli, il parco conserva ancora molti dei pregevoli manufatti antichi. Villa Demidoff è però l’appellativo moderno della precedente Villa Medicea di Pratolino, demolita nel 1822 e in seguito rilevata dalla famiglia dei Demidoff, di origine russa , che ingrandirono e adibirono a residenza principale un edificio secondario. Il parco della villa, attualmente in stile inglese, rimane uno dei più belli e vasti di tutta la Toscana.
    Informazioni: www.firenzeturismo.it
  • Villa Medicea di Cerreto Guidi. Costruita verso il 1555 da Cosimo I come semplice residenza di caccia, su un antico castello dei conti Guidi, la villa si trova in provincia di Firenze nel centro di Cerreto Guidi, è visitabile, e dal 2002 ospita il Museo storico della caccia e del territorio con una bella collezione d’armi. Opere d’arte e arredi antichi originari sono stati ricostruiti nel modo più filologico possibile seguendo le descrizioni presenti negli inventari storici, con pezzi provenienti dai depositi della Soprintendenza fiorentina e da generosi lasciti di antiquari.
    Informazioni: www.polomuseale.firenze.it
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: